Organizzazioni

Categories: Organizzazioni

Organizzazioni

Draft 27 maggio 2010

1. Tecnologie dit un monde Tecnologie che riarredono il mondo Sindrome di Proust Partizione tra certezza e incertezza 2. Citarsi Addosso Richard Sennett: Un racconto non è solo un semplice susseguirsi di eventi, ma dà forma al trascorrere del tempo, indica cause, segnala conseguenze possibili. Karl Weick: Le storie aiutano la comprensione, perché integrano quello... Continue reading: Draft 27 maggio 2010

La natura del sensemaking

Segnalazione dei casi sospetti di Battered Child Syndrome (BCS) e Sensemaking: Primo, c’è qualcuno che rivela qualche cosa, entro un flusso continuo di eventi, qualche cosa che ha la forma di una sopresa, di un insieme di nformazioni discrepanti, qualche cosa che non quadra. Secondo, le informazioni discrepanti sono individuate quando qualcuno riesamina l’esperienza passata.... Continue reading: La natura del sensemaking

Nessuno è perfetto

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=4VbIrdTBchE] Nessuno è perfetto [A qualcuno piace caldo] L’arzillo Osgood (Joe E. Brown) a Jerry – Dafne (l’impareggiabile Jack Lemmon) nella battuta finale del cult-movie diretto da Billy Wilder, con Tony Curtis e Marylin Monroe

Isaac Vàsquez

A Teotitlàn visitiamo la casa di don Isaac Vàsquez, un maestro tessitore diventato famoso fuori dal Messico per i suoi tappeti, le coperte e l’uso dei coloranti naturali. […]  Osservando don Isaac al lavoro, la vecchia madre che carda la lana, sua moglie, i fratelli, le sorelle, i cugini, i nipoti e i pronipoti, vedendoli... Continue reading: Isaac Vàsquez

Sun Tzu

Una volta colte, le opportunità si moltiplicano. [L’arte della guerra]

Pulp Fiction

Sono il signor Wolf. Risolvo problemi [Pulp Fiction, regia di Quentin Tarantino] Winston Wolf (Harvey Keitel) nel momento in cui si presenta a Vincent Vega (John Travolta), Jules Winnfield (Samuel L. Jackson) e Jimmie Dimmick (Quentin Tarantino).

Draft

Sì, per cominciare niente squilli di tromba, basta un abbozzo, qualche idea da confrontare. Diciamo allora che al principio ci sono sempre domande ritenute fondamentali, almeno per tutti quelli che, come noi, sono cresciuti all’ombra del pensiero greco[1]. Accade alle persone comuni, che fanno a pugni ogni giorno con il desiderio di conquistare un futuro... Continue reading: Draft

La Cina spacca l’Occidente

PARTE I PECHINO-WASHINGTON COPPIA DI FATTO John C. HULSMAN – L’Occidente è finito perché l’America vuole allearsi con la Cina La Grande Recessione evidenzia la rivoluzione geopolitica globale. L’Europa, divisa e decadente, è un museo. Per pagare il conto di Bush, Obama guarda a Pechino e all’area dell’Oceano Indiano. Il futuro è degli Stati nazionali.... Continue reading: La Cina spacca l’Occidente

Per genio e per caso, again

Ricordate?Era più o meno metà ottobre dell’anno di grazia 2005 quando vi abbiamo parlato della fondamentale scoperta delle nuove funzioni del trascrittoma e della capacità possibilità dell’RNA di interagire e modificare il DNA.Ve ne abbiamo parlato da un particolare punto di vista, quello messo in luce da Robert K. Merton con il suo concetto di... Continue reading: Per genio e per caso, again

Intervista a Carninci

Un esempio concreto di ricerca realizzata in ambiente serendipitoso nella conversazione – intervista con Piero Carninci, leader del consorzio di scienziati Fantom 3 che ha scoperto le nuove funzioni del trascrittoma (RNA), pubblicata su Technology Review Italia.

Decisione

Vedi ancheCYERT – MARCH – SIMON Concetti e parole chiaveComportamentismo – Garbage can – Incrementalismo – Modello Partecipativo – Modello Politico burocratico – Razionalità limitata – Scelta razionale SpiegazioneUna decisione può essere assunta in molti modi.Può essere data dal progetto consapevole di un attore razionale, e in questo caso sarà stata presa sulla base del... Continue reading: Decisione

Learning organization

Vedi ancheAPPRENDIMENTO ORGANIZZATIVO – GESTIONE DELLA CONOSCENZA AZIENDALE – K.M. Concetti e parole chiaveApprendimento continuo – Modello dei gradi tre – Modello del cambiamento culturale – Modello delle dinamiche culturali SpiegazioneSi definisce LEARNING ORGANIZATION l’organizzazione che si propone di conoscere sé stessa attraverso processi di apprendimento continuo, prima favoriti e poi utilizzati, dei suoi componenti.L’origine... Continue reading: Learning organization

Knowledge Management

Vedi anche APPRENDIMENTO ORGANIZZATIVO – B.P.R. – GESTIONE DELLA CONOSCENZA AZIENDALE – KNOWLEDGE MANAGEMENT SYSTEMS Concetti e parole chiaveCondivisione della conoscenza – Dato, informazione, conoscenza, saggezza – Filosofia della collaborazione SpiegazioneNon esiste un’unica e conclusiva definizione di K.M. In senso lato, il concetto é rintracciabile fin dall’antichità e si riferisce alla preservazione e alla condivisione... Continue reading: Knowledge Management

Cognitivismo

Vedi ancheAPPRENDIMENTO ORGANIZZATIVO – CYERT – MARCH – SIMON – WEICK Concetti e parole chiaveDecisione – Mappa cognitiva – Razionalità limitata – Senso e significato SpiegazioneSi deve a SIMON (1957), CYERT e MARCH (1963), WEICK (1969) l’importanza del cognitivismo negli studi organizzativi.Più specificatamente si può dire che il cognitivismo fa il proprio ingresso negli studi... Continue reading: Cognitivismo

Apprendimento organizzativo

Vedi ancheARGIRYS – GESTIONE DELLA CONOSCENZA AZIENDALE – KNOWLEDGE MANAGEMENT – SCHÖN Concetti e parole chiaveCambiamento – Conoscenza – Identità – Informazione SpiegazioneLa fondazione sociologica del concetto di APPRENDIMENTO ORGANIZZATIVO colloca il sapere entro un network di potere e relazioni sociali mediate da artefatti e da intermediari umani e non umani che ne facilitano o... Continue reading: Apprendimento organizzativo

Economia dei Costi di Transazione

Vedi anchePFEFFER e SALANCIK – OUCHI – WILLIAMSON Concetti e parole chiaveGerarchia e mercato – Logica del Clan SpiegazioneÈ il 1937 quando Ronald Coase scrive The Nature of the Firm, l’articolo che nel 1991 gli farà tributare il premio Nobel (per la verità tre anni prima John Commons aveva a propria volta evidenziato come le... Continue reading: Economia dei Costi di Transazione

Neoistituzionalismo

Vedi anche CZARNIAWSKA – MEYER e ROWAN – POWELL e DI MAGGIO – SELZNICK – THOMPSON –ZUCKER Concetti e parole chiaveCampo organizzativo – Isomorfismo – Miti razionali – Popolazioni organizzative SpiegazioneLa scuola neoistituzionalista rappresenta una delle più importanti correnti sociologiche contemporanee. Pur non rinnegando il proprio legame con il pensiero istituzionalista di SELZNICK (la società... Continue reading: Neoistituzionalismo

Motivazionalismo

Vedi ancheARGYRIS – BARNARD – HERZBERG – MASLOW – SISTEMA COOPERATIVO Concetti e parole chiaveBisogni umani – Contributi e incentivi – Fattori igienici – Soddisfazione nel lavoro – SpiegazioneSecondo l’uso corrente del termine una persona è motivata quando ha, sente di avere, dentro di sé, una spinta che lo induce a impegnarsi al meglio delle... Continue reading: Motivazionalismo

Postfordismo

Vedi ancheFORD – JUST IN TIME – MODELLO GIAPPONESE – PIORE SABEL E ZEITLIN – TAYLOR Concetti e parole chiaveFabbrica snella – Integrazione orizzontale – Qualità totale – Sviluppo delle competenze SpiegazioneTra la fine degli anni 70 e l’inizio degli 80 i paesi tecnologicamente più sviluppati sono interessati da un insieme di trasformazioni economiche, istituzionali,... Continue reading: Postfordismo

Fordismo

Vedi ancheCATENA DI MONTAGGIO – FORD – O. S.L. Concetti e parole chiaveConsumo di massa – Controllo gerarchico – Meccanizzazione – Parcellizzazione SpiegazioneIl termine FORDISMO definisce comunemente non solo una specifica modalità di organizzazione del lavoro ma anche un vero e proprio stadio del capitalismo contemporaneo, durato quasi un secolo e caratterizzato da sistemi di... Continue reading: Fordismo

Organizzazione Scientifica del Lavoro

Vedi ancheALIENAZIONE – ANOMIA – BARNARD – CATENA DI MONTAGGIO – FORD – FORDISMO – MAYO – TAYLOR Concetti e parole chiaveDivisione del lavoro – Gerarchia – Tempi e metodi – Standardizzazione SpiegazionePrima ancora di essere una teoria organizzativa, l’O.S.L. rappresenta una vera e propria filosofia del lavoro, che non a caso TAYLOR definisce one... Continue reading: Organizzazione Scientifica del Lavoro

Burocrazia

Vedi ancheAMMINISTRAZIONE – BARNARD – CROZIER – ETZIONI – GOULDNER – KELSEN – MERTON – SIMON – WEBER Concetti e parole chiaveConseguenze inattese – Gerarchia d’ufficio – Modelli di leadership – Modelli di razionalità – Tipi ideali SpiegazioneE’ con gli straordinari cambiamenti istituzionali, politici ed economici conseguenti alla rivoluzione francese prima, all’affermazione degli Stati nazionali... Continue reading: Burocrazia

Serendipity again

1. autoesemplificazioneconcetto riflessivo che si applica a un’idea (ipotesi, teoria) che si riferisce al suo stesso contenuto o è esemplificata dalla sua stessa storia. 2. invenzioni multiple indipendentirisultato dell’azione congiunta della crescita di determinati tipi di conoscenza e dell’adozione delle medesime soluzioni da parte di scienziati e tecnologi innovativi concentrati sugli stessi temi. 3. primo... Continue reading: Serendipity again

Weick

Il sensemaking è considerato un processo fondato sulla costruzione dell’identità, retrospettivo, istitutivo di ambienti sensati, sociale, continuo, centrato su (e da) informazioni selezionate, guidato dalla plausibilità più che dall’accuratezza.

Kunda

Il gruppo dirigente, per così dire, crea il contesto, fornisce la retorica e si riserva il diritto di dire l’ultima parola, ma la maggior parte del lavoro è svolta dai membri stessi, perché è nel loro interesse consolidare continuamente in sé stessi e negli altri l’adesio ne esplicita al ruolo di membro.

Martin

Se ogni contesto culturale è studiato abbastanza in profondità, alcune cose appariranno coerenti, chiare e generatrici di consenso. Al tempo stesso altri aspetti della cultura si fonderanno entro confini subculturali mentre altri elementi ancora appariranno frammentati, in uno stato di perenne flusso, intrisi di confusione, dubbio e paradosso.

Schein

La cultura organizzativa è l’insieme coerente di assunti fondamentali che un dato gruppo ha inventato, scoperto o sviluppato imparando ad affrontare i suoi problemi di adattamento esterno e di integrazione interna, e che hanno funzionato abbastanza bene da poter essere considerati validi, e perciò tali da poter essere insegnati ai nuovi membri come il modo... Continue reading: Schein

Hannan e Freeman

E’ difficile stabilire che una strategia razionale per un singolo decisore sia razionale se viene adottata da un largo numero di decisori.

Stinchcombe

Il livello di esperienza organizzativa di una popolazione è il maggiore determinante della loro capacità di formare nuove organizzazioni.

Ouchi

Un clan è un dispositivo di gestione che tiene conto dei sacrifici a breve termine di alcune parti di uno scambio, quando questi sacrifici diventano evidenti, e poi compensa adeguatamente gli individui in modo che venga ripristinato l’equilibrio a lungo termine tra incentivi e contributi di tutte le parti. Mentre un sistema informativo esplicito deve... Continue reading: Ouchi

Williamson

La classica contrattazione di mercato sarà più efficace quando le risorse non avranno un elevato grado di specificità. La contrattazione di tipo bilaterale comparirà nel mercato non appena le risorse diventeranno semi-specifiche; e, infine, l’organizzazione interna sostituirà il mercato quando le risorse oggetto di scambio saranno altamente specifiche. Riconoscere che assetti organizzativi alternativi danno luogo... Continue reading: Williamson

Miles e Snow

Le organizzazioni minimali sono capaci di spedire rapidamente le risorse in ogni direzione nell’esatto punto in cui sono richieste

Piore, Sabel e Zeitlin

Un esempio spettacolare di tecnologia che riduceva i costi dovuti al cambiamento di produzione fu il telaio di Jacquard, il precursore delle macchine a controllo numerico. Esso fu perfezionato per l’ uso industriale tra il 1800 e il 1820 dai setaioli di Lione, che volevano riconquistare il loro tradizionale dominio nei mercati dei tessuti alla... Continue reading: Piore, Sabel e Zeitlin

Touraine

È una grave illusione credere che possano continuare ad esistere le medesime qualità, i medesimi fattori di valorizzazione del lavoro quando cambiano completamente le condizioni del lavoro e, in particolare, le condizioni tecnico-professionali.

Taylor

L’organizzazione scientifica del lavoro consiste fondamentalmente in un certo numero di principi generali di vasta portata, in una ben definita concezione teorica che può venire applicata in varie maniere.

Powell e Di Maggio

Il campo organizzativo è dato da un insieme di organizzazioni che, considerate complessivamente, costituiscono un’area riconosciuta di vita istituzionale: fornitori chiave, consumatori di risorse e prodotti, agenzie di controllo e altre organizzazioni che producono prodotti o servizi simili.

Meyer e Rowan

I prodotti, i servizi, le politiche e i programmi istituzionalizzati funzionano da possenti miti e molte organizzazioni li adottano cerimonialmente: così facendo, le organizzazioni aumentano la loro legittimità e le loro prospettive di sopravvivenza indipendentemente dall’efficacia immediata delle norme di comportamento e delle procedure acquisite.

Selznick

Far funzionare un’organizzazione è un’attività necessaria e specializzata, tale da porre dei problemi che nulla hanno a che fare con i fini (originari) o dichiarati dall’organizzazione stessa e che spesso sono del tutto opposti a questi. Il comportamento di routine del gruppo è tutto dedicato a problemi specifici e fini parziali che hanno importanza solo... Continue reading: Selznick

Merton

La ricerca empirica, se feconda, non soltanto verifica ipotesi derivate teoricamente, ma dà anche origine a nuove ipotesi. Ciò potrebbe essere definto la componente di serendipity della ricerca, cioè la scoperta, dovuta alla fortuna o alla sagacia, di risulati ai quali non si era pensato.

Parsons

Un’organizzazione non si limita a operare in un ambiente sociale che impone le condizioni che governano i processi di disposizione e di reperimento [delle risorse], essa è anche parte di un più ampio sistema sociale che è la fonte del significato, della legittimazione e del sostegno di più alto livello che rende possibile la realizzazione... Continue reading: Parsons

Crozier

La burocrazia è un’organizzazione che non può correggere il proprio comportamento imparando dai propri errori.

Simon

È possibile derivare una funzione di utilità solo se le scelte sono coerenti e transitive. Esiste oggi una mole considerevole di prove del fatto che le scelte umane spesso non sono coerenti nel modo richiesto per l’esistenza di una funzione di utilità. Il comportamento razionale esige modelli semplificati che includano gli elementi essenziali del problema... Continue reading: Simon

Barnard

Un sistema cooperativo è un complesso di componenti fisiche, biologiche, personali e sociali che si trovano in relazione specifica e sistematica grazie alla cooperazione di due o più persone per almeno un fine definito. Ciò che è importante non è quello che muovere il masso significa per ciascun uomo personalmente, bensì quello che egli pensa... Continue reading: Barnard

Burocrazia

Vedi ancheAMMINISTRAZIONE – BARNARD – CROZIER – ETZIONI – GOULDNER – KELSEN – MERTON – SIMON – WEBER Concetti e parole chiaveConseguenze inattese – Gerarchia d’ufficio – Modelli di leadership – Tipi ideali SpiegazioneE’ con gli straordinari cambiamenti istituzionali, politici ed economici conseguenti alla rivoluzione francese prima, all’affermazione degli Stati nazionali in Europa, alla nascita... Continue reading: Burocrazia

Weber

Se gli uomini non tentassero continuamente l’impossibile, il possibile non verrebbe mai raggiunto. La burocrazia è tra le strutture sociali più difficili da distruggere. Ogni conoscenza concettuale della infinita realtà da parte dello spirito umano finito poggia […] sul tacito presupposto che soltanto una parte finita di essa debba formare l’oggetto della considerazione scientifica, e... Continue reading: Weber

Per genio e per caso

[…] I due scienziati sono Francis H.C. Crick e James D. Watson, che nel mitico Cavendish Laboratory dell’Università di Cambridge hanno scoperto il modello a doppia elica della struttura molecolare dell’acido desossiribonucleico, conosciuto ai più come DNA.Jerry Donohue è invece il giovane cristallografo statunitense che per un certo periodo soggiorna al Cavendish e che secondo... Continue reading: Per genio e per caso

Serendipity

Il modello della serendipity si riferisce all’esperienza, abbastanza comune, che consiste nell’osservare un dato imprevisto anomalo e strategico, che fornisce occasione allo sviluppo di una nuova teoria o all’ampliamento di una teoria già esistente.Ciascuno di tali elementi del modello può venire descritto facilmente.Prima di tutto, il dato è imprevisto. Una ricerca diretta alla verifica di... Continue reading: Serendipity

Organizzazione

Secondo il dizionario De Mauro della Lingua Italiana (Paravia) il termine ORGANIZZAZIONE ha tra i suoi significati di largo uso: 1. l’organizzare, l’organizzarsi e il loro risultato; 2. il modo in cui é organizzato un lavoro, una struttura, ecc.; 3. una qualsivoglia struttura organizzata per conseguire un fine comune; 4. l’insieme delle persone che operano... Continue reading: Organizzazione

Istruzioni per l’uso

Qualche informazione e una sola importante regola.1. Nella parte destra del blog, ci sono le informazioni cosiddette di servizio (orari delle lezioni e di ricevimento, date esami, programmi, libri di testo, ecc.), l’elenco dei post pubblicati, l’archivio, alcuni link.2. La parte sinistra è quella dedicata alle interazioni e ai dibattiti. 2.1. Dopo ogni lezione sarà... Continue reading: Istruzioni per l’uso

Perché questo blog

E’ di qualche settimana la notizia di una ricerca condotta all’Università della Tecnologia di Sidney dalla quale risulterebbe che l’utilizzo dei blog aiuta gli studenti a pensare e a scrivere con maggiore senso critico e che attraverso i blog anche gli studenti più ritrosi riescono a manifestare le proprie convinzioni, ad esprimersi e a partecipare... Continue reading: Perché questo blog

Indice lezioni III° Anno (II° Modulo 3 CFU)

Lezione 1111.1. Il futuro del sensemaking Lezione 1010.1. Processi di sensemaking guidati dall’azione Lezione 99.1. Processi di sensemaking guidati dalle credenze Lezione 88.1. La sostanza del sensemaking Lezione 77.1. Occasioni di sensemaking Lezione 66.2. Risorse importanti per il sensemaking organizzativo6.1. L ‘organizzazione in una prospettiva di sensemaking Lezione 55.2. Guidato dalla plausibilità più che dall’accuratezza5.1.... Continue reading: Indice lezioni III° Anno (II° Modulo 3 CFU)

Indice Lezioni III° Anno (I° Modulo 3 CFU)

Lezione 1111.2. Discussione e valutazione dei contributi degli studenti11.1. Processi cognitivi e analisi organizzativa Lezione 1010.1. L’apprendimento organizzativo Lezione 99.2. Il concetto di script9.1. Il concetto di cultura organizzativa Lezione 88.3. Selezione, isomorfismo e pluralità delle specie8.2. Onere della novità e impriting8.1. Ecologia delle popolazioni organizzative Lezione 77.1. L’economia dei costi di transazione Lezione 66.4.... Continue reading: Indice Lezioni III° Anno (I° Modulo 3 CFU)

Indice Lezioni II° Anno (3 CFU)

Lezione 1111.1. Concetto di Serendipity e sue caratteristiche Lezione 1010.4. Weick10.3. Kunda10.2. Martin10.1. Schein Lezione 99.2. Hannan e Freeman9.1. Stinchombe Lezione 88.2. Ouchi8.1 Williamson Lezione 77.4. Miles e Snow7.3. Piore, Sabel e Zeitlin7.2. Touraine7.1. Taylor Lezione 66.3. Powell e Di Maggio6.2. Meyer e Rowan6.1. Selznick Lezione 55.2. Merton5.1. Parsons Lezione 44.3. Crozier4.2. Simon4.1. Barnard Lezione... Continue reading: Indice Lezioni II° Anno (3 CFU)

Programma

Programma II° Anno 3 CFU Il corso si propone di offrire agli studenti, attraverso lo studio degli autori più significativi e l’approfondimento delle relazioni tra loro esistenti, l’insieme di elementi e di strumenti concettuali ed analitici necessari per ripercorrere le tappe più importanti della storia del pensiero organizzativo.Particolare rilevanza sarà data, nella seconda parte del... Continue reading: Programma

La politica e il divano

Siamo certi di non avere scampo ? Di doverci rassegnare all’idea che il luogo della politica più amato dagli italiani sia il divano? Che non c’è partecipazione senza telecomando ? Che in quanto a contenuti basta e avanza il verbo irradiato via etere dai leaders? E se invece valesse ancora la pena provare a ricostruire... Continue reading: La politica e il divano