Tautogramma Enakapata

Written by
Categories: Enakapata, Libri

enakapata3Nuovo gioco, nuova corsa. L’idea è arrivata ancora una volta via Facebook, ma stavolta il sasso nello stagno l’ha gettato Francesco Caruso. Cos’è un tautogramma l’ho imparato dopo il suo messaggio: uno scritto in cui le parole iniziano con la medesima lettera. Il nuovo gioco ha una sola regola, anzi due: si possono usare solo le lettere (una sola, naturalmente) che compongono la parola Enakapata; non si può usare la k per comporre parole come ke, ki, kiara, ecc. That’s all, folks. Buona Partecipazione.

Deborah Capasso de Angelis
Nessuno nasce nella nefandezza. Nessuno nutre nel nido neonati nefandi. Nessuno nasce nazista.

Keep kindness, kiss keenly, kill kingbird, knot kismet.

Promessa. Parole, pesanti pietre, penetrano profondi pensieri.

Tutto taceva troppo tranquillo! Trasportata, tosto trascrivo tautogrammi

La Musa
Bandana&banana, Bacucca, Babbeo, Bamberottolo: BALORDI! Baldanzosamente baritoneggiano, barbugliano bizzosi – “badilate, badilate!” – bastonando baldi benpensanti barricadieri. Banditi, bracconieri, buoniannulla, BASTARDUME!

E di ENAKAPATA
Egea era euforica; esteticamente esile, efebica, eclissò eterea entro elevatore, ed essendo estate, evinse essere epoca esatta: evadere, evadere! era eccepibilmente eccitata; enigmaticamente, evocava estrosi espedienti: evitare escursioni estere. Ella era ellenica ed edonista – “efkaristò” – esclamò ebbra entrando. ecco, era eliaco Eden. Ermete echeggiò: “efkaristò?” erano entrambi emozionati esternandosi enfatiche effusioni. “Egea…” “Ermete…” era entusiasmo endogeno, eccellenti evasioni. echinocactus ed euphorbia, elicrisio ed edera. era, ebbene, efflorescente estate.

“Pò-Pò-Pò, PiO-PiO-PiO” pigola petulante pulcino Pancho; “porca paletta Pancho!” parlotta papera Polda – “per piacere Pancho, papà Pinco potrebbe prenderla prosaicamente!” papà papero, passata paura per puma poco placido, pensato pressare pisolino pomeridiano. “Pii-Piii-Piiii, PiOO-PiOOO-PiOOOO” prorompe precipitoso Pancho. “Panchooo!” Polda perde pazienza. “piccolo prepotente, proprio persecutore!” – predicozzo per punire pestifero Pancho – piano piano, pulcinetto pigola placato “pio-pì, pì-pì” “piuttosto” – pensa – “prenderò panni per partire – piii – partirò per posti privi papere pedanti!”

Clarissa casuale cardiologa [in C]
Credendolo con collasso ciclo cardiaco completo, Clarissa corse con CGRP – conosciuto composto chimico con caratteristica capacità contrazioni cuore – cercando cavità capace convergere corroborante. Camillo continuò camminare carponi causa cute cuoio capelluto crivellata; Clarissa constatando cicatrice craniale, cautamente condusse Camillo canapè cremisi, costringendolo coricarsi con capo chino. Camillo, colorito cadaverico, chiese caffè corretto con cointreau; categorica, Clarissa costrinse costui calmarsi con camomilla.

Concetta Tigano
Eterea estate,
espugni effimeri equilibri.
Eterno equinozio,
esalti estranei eremiti.
Entrambi esprimono estasi ed ebrezze.
Eludendo errori…evochiamo efficaci Elisir!!

Trasformi
timide tentazioni, teneri turbamenti,
tessendo trasparenti tele.
Trasmetti
tumultuose tempeste, traboccanti torrenti
tacendo.

Nessun nomade naufraga nelle nuvole
Niente, nemmeno nubi e nebbie nuociono
Noi, nuovi nostalgici, nuotiamo nelle nostre nostalgie
Noi nocchieri naufgaghiamo nella natura, nelle nuvole
Nuove nebbie nascondono nostro Nadir
Nuove ninfee nascono, nuotano nel nostro nuovo nulla.

Viaviana Graniero
L’ACINO ALL’ASTUTO (LA VOLPE E L’UVA IN A)
Anticamente , animale astuto, acuto, assai ambizioso, accusando assenza alimentare, avanzava affamato. Arrivò ad appezzamento affollato abbondanti, altissimi acini. “Ah! anelato alimento…” allora atleticamente allungò arti, ancora… ancora… Azz! Arduo arrivarci…
“Aspetta” asserì “Assurdo arrendersi, arguzia aiuterà, avrò acini assolutamente!”
Allora, allontanato affaticamento, ancora accennò anomali acrobazie. Accipicchia! Abilità acrobatiche assolutamente assenti…
Alfine, allontanandosi amareggiatamente, affermò ” Assurdo affannarsi alacremente: acini ancora acerbi, assimilarli avvelenerebbe!”
ASSIOMA: Accort’ ambizioso! Assai amaramente affogherai… abbassa ali!

ALBACHIARA (in a… cantabile, ma con qualche licenza metrica… e non solo!).
Aliti adagio allontanando attenzione
addormenti annottando
apri ante all’aurora
accechi alias alba
arzilla alias aria …
Assumi aspetto arrossato, ammirata
assai ammaliante allorché assorta:
avendo ardori, aspirazioni …
Anacronisticamente addosso assente
abito appariscente,
alcuno ad apprezzare,
anche ad ammirare…
Adesso angelicamente attraversi autostrada
addentando alimento, abbecedario
aneli approfondire
ancora accenni ad arrossire (?!) …
Allora affronti ambiente apertamente
assai autenticamente
appare ancora agli amici
anima, auspici …

Kyoto kermesse: Kung-fu? Kendo? kick-boxing? kabuki?????…. karaoke!!!!

Kurosawa Kollossal: “Kimono killer knockout kilt killer!”

Peter Pan (in p… e a modo mio eh! si fa per ridere!!!)
Peter Pan, personaggio prossimo pensione, pensa poter perpetuare perennemente preadolescenza…. (paradigmatico!)
Prende probabilmente pillole (più pericolose prozac!)…
Privo professione, perdigiorno, propina panzane piccole puelle.
Prospetta parecchi portenti: parapendii, posti paradossali, piroghe per pirati, piccoli palazzi posti profondità piante portentose.
Poi puntualmente Peter Pan piazza prontamente piccole pesti perdute, porge pezza per polvere, pasta per pulire pavimenti, pentole per preparare peperonata…
Perciò pronto precetto: Puelle, prudenza! praticate plurimi pretendenti, punite poco pietosamente panzanatori pari Peter Pan!

Paradisiaco Pellegrinaggio (Divina commedia in p)
Poeta, parte per Paradiso, passando prima per paese pienamente peccaminoso, poi per purgatorio. Per pilota, poeta persino più popolare!
Pensionato preistorico piroga per percorso paludoso (pare pipì!), portandolo presso porta peccaminosa. Poster puntualizza previdenza ” Perdete prospettive, penetrando!”
Post parlatoria plurimi peccatori puniti perennemente, poeta prosegue pellegrinaggio per purgatorio. Punizioni passeggere, peccatori presto partiranno per Paradiso, previa preghiere parentado.
Perciò pure poeta prosegue per punto più prominente, popolato persone perfette. Permutato pilota: puella paradisiaca! Poeta prova poderoso palpito petto… pure pube (pesante peccato!)
Puella presenta patriarca perfettissimo “piacere!”, poeta percepisce potenza, proferisce paternoster, prega per prossime pubblicazioni popolari, possibilmente pure per plurime pecunie!

Dora Amendola
Teorizzando tormentosi trasporti, temibili trasferte, trafiggendomi tu taci troncando teneri tempi… talché, trovando tosta terapia, tutti tornano tranne te tediosa tendinite!

Preparare polpettoni pesanti per parenti pedanti potrebbe pregiudicare prossimi pranzi… pertanto propinarli paga!
Pensare producendo parole profonde può parere pleonastico primariamente per persone psicologicamente piccole.
Trote trotterellanti traversano torrenti turchesi tramando truffe taglienti toccanti trattorie tarantine.

Maria Maddalena Fea
Torino-Toronto traversata terrificante: tuoni terribili tartassavano turbìne, tempesta trapanava timpani, tazze tremavano, terrorista tenebroso trasportava teschi, topi transitavano trotterellando. Tacevamo tutti!

Nacque nano nella nuvolosa Norvegia. Nottetempo nuotava nascosto, naufragando nomade nel nonconformismo nichilista. Nutrimenti nocivi: nicotina, narghilè. Nutrimenti non nocivi: noci, nocciole, nespole, nettarine, nasello, nebbiolo. Nefrite nefasta necessitò nosocomio. Noncurante naviga nelle nuvole, non nasconde nudità, niente noia, nostalgia, nel nuovo nirvana.

Nidia Vedana
Aiuto! Accorrete! Affogo! Aiu….
Ammise affranto: assassinai Antonio: amava Anna.
Anni addietro aveva avuto antipatiche allergie agli acari, asma atipico; aveva addirittura assunto ansiolitici anti-age. Assurdo? Assolutamente autentico: accaduto ad Antonio.
Aspettaaaaaaaaaa!!!!Arrivooooooooo!!! Andato. Accipicchia. Avessi accelerato avrebbe aspettato almeno alcuni attimi.

Ah, avessi allora ascoltato avvertimenti! Avrei ampiamente accolto amore. Accidenti!

Astri argentei ammaliano anime addormentate

Avevano aspettato ansiosi. Adesso, alfine, all’alba autunnale aprirono adagio ampie ali azzurro acqua alzandosi accorti, avanzando alti, ammirando Alpi, Appennini, altitudini assai ammalianti, aspirando aria avvolgente, aggiungendo alcune allegre acrobazie. Affrontarono agitati anche attimi angoscianti, abbagli assassini. Avanti, ancora avanti. Altrove, aldila’, attendevano anatre, albatros, allodole, allocchi, animali africani, amici, anche – azzarderei -amori.

Roberto De Pascale e Miyuki Hasegawa
(in caratteri Occidentali)
kyou kara kyouto kayou kyoukai konsaato kaishi, kekkou,
kono kaijou kayoukyoku kiku koto kanpeki.
(in caratteri giapponesi)
今日 から 京都 歌謡 協会 コンサート 開始, 結構, この 会場 歌謡曲 聞く こと 完璧
(Traduzione)
Da oggi iniziano i concerti dell’Associazione di Musica Tradizionale Giapponese di Kyoto, l’acustica di questa sala si puo’ considerare perfetta.

Cinzia Massa
Nipponico Noyori. Nella Napoli negligente, nichilita, negata non nascono Nobel. Nella Napoli narcotizzata, nolente, nomade, neanche. Nebulosa notte. Neapoli numen necesse.

Stefania Bertelli
Per piacere puoi porti, prossimamante, più parco per pretendere parole preziose possibili, per persone perfette, pur povere pecunia (parlo personalmente)…però pronte per parlare, presentare paradossi, proporre pedanti pagine, piene pamphlet. Porgo panegirico pullulante peana, per particolari parti prosodiche per programmi pubblici. Percossa petulanti pensieri, posso perorare perditempo penosi, per produrre premi perenni.
Perdindirindina….

Daniele Riva
Know-how KO: karma kaputt, kleenex…
(sembra un delirio incomprensibile: in realtà è un tizio che si trova con il computer in avaria, “invoca” alcuni santi del paradiso e alla fine, come il grande Troisi, non gli resta che piangere…)

Esulando dal tema prettamente Enakapata e nipponico, ho una versione tautogrammatica della poesia “Alla sera” di Foscolo:
POMERIGGIO PASSATO
Probabilmente perché paragoni
postremo passo, più piacevolmente
plani! Plaudonti prendendo passione,
pecorelle pervenute ponente,
poi più pallide precipitazioni
portanti procella prepotente,
però pregata procedi, padroni
poveri palpiti perdutamente.
Poiché poni pensieri ponderare
passo per prossimo periodo, prendo
perciò perizia precario passare
preoccupazioni procurate; pendo
per pace piana proposta: posare
proposito pugnace preferendo.

Partenopei partirono per paese posto poco ponente. Passarono per paesaggi paradisiaci parlando padre pargolo. Pigramente presero parte performances piacevoli. Poi pubblicarono prosa ponderata.

Bruno Patrì
Ad Aosta andarono alcuni alpini, avevano amato: auree albe, ammalianti ancelle austriache, alte anglosassoni, anonime abbronzate, angeliche andaluse, aborigene australiane, assatanate argentine, acchetate americane, accigliate armene, affezionate amazzoni, accomodanti artigiane, acconsenzienti agrigentine, accreditate ambasciatrici, acide albanesi, acquose anconetane, acrobatiche albine, aggressive astigiane, affezionate arizoniche, addette alla anagrafe, assassine ariane

Lucia Rosas
Tentativi tentando testi, tentai tentatore testi tamburellati , trovare termini, tasti trovati troverò terminando tossendo temendo tonta temeraria

Felicia Moscato
Pietro Paolo Pancio, Pittore Poco Pratico, Promise Pince Paride Per Puro Poco Prezzo
(è la filastrocca delle 13 P che mi insegnò da piccola la buonanima di mio nonno … a  me faceva sempre sorridere … non sarà il massimo, ma nel mio piccolo voglio sorridere di nuovo)

Adriano Parracciani
Enakapata è elemento enzimatico; escogita esercizi ed esorta energie elaborative, esportando educativi ed efficaci enacrostici elegantemente editati

Vincenzo Moretti
Papà, per piacere puoi passare per Perugia per portare presso Padova pacchi postali per portalettere partecipanti prossima partita pallavolo pescivendoli – postini?

0 thoughts on “Tautogramma Enakapata

  1. Deborah Capasso de Angelis says:

    Cucinando….

    Porcino produce profumo. Papille pregustano piccolo paradiso.

  2. Deborah Capasso de Angelis says:

    rettifico l’ultimo rigo del mio tautogramma.
    Amavate amarvi.

  3. Deborah Capasso de Angelis says:

    Grazie Concetta! Anche i tuoi sono molto belli!

  4. Deborah Capasso de Angelis says:

    Aspettavi ardente. Arrossisti all’amore.
    Ansimanti, appagati, adagiati accanto all’amato arrendevolmente addormentati.
    Avevi addosso abiti azzurri. Ancora adoranti, ammaliati, assegnandovi appellativi amabili ammiravate astro alzarsi all’alba.
    Amavate essere amanti.

    1. concetta tigano says:

      ..sembra di vederli….
      molto bello!

  5. concetta tigano says:

    Eterea estate,
    espugni effimeri equilibri.
    Eterno equinozio,
    esalti estranei eremiti.
    Entrambi esprimono estasi ed ebrezze.
    Eludendo errori…evochiamo efficaci Elisir!!

  6. musa says:

    Bandana&banana, Bacucca, Babbeo, Bamberottolo: BALORDI! Baldanzosamente baritoneggiano, barbugliano bizzosi – “badilate, badilate!” – bastonando baldi benpensanti barricadieri. Banditi, bracconieri, buoniannulla, BASTARDUME!

  7. musa says:

    eccezionale viviana! con rispetto parlando nei riguardi del caro Esopo che peraltro adoro, TU l’hai superato grandemente! se si può votare e la votazione è da 1 a 10, io segno 11!

    1. Viviana Graniero says:

      troppo gentile Musa! 🙂 vabbé si fa per ridere… e io a scriverli rido come una matta. I giochi di parole sono meravigliosi per questo… (secondo me).
      E comunque il tuo “bastardume” è un’assoluta perla! Ho riso mezz’ora :)))))

  8. Viviana Graniero says:

    innanzitutto complimenti a tutti!
    e adesso un’altra favoletta rivisitata, questa volta un omaggio (?????) ai tempi antichi…

    L’ACINO ALL’ASTUTO (LA VOLPE E L’UVA IN A)
    Anticamente , animale astuto, acuto, assai ambizioso, accusando assenza alimentare, avanzava affamato. Arrivò ad appezzamento affollato abbondanti, altissimi acini. “Ah! anelato alimento…” allora atleticamente allungò arti, ancora… ancora… Azz! Arduo arrivarci…
    “Aspetta” asserì “Assurdo arrendersi, arguzia aiuterà, avrò acini assolutamente!”
    Allora, allontanato affaticamento, ancora accennò anomali acrobazie. Accipicchia! Abilità acrobatiche assolutamente assenti…
    Alfine, allontanandosi amareggiatamente, affermò ” Assurdo affannarsi alacremente: acini ancora acerbi, assimilarli avvelenerebbe!”
    ASSIOMA: Accort’ ambizioso! Assai amaramente affogherai… abbassa ali!

    1. concetta tigano says:

      è semplicemente delizioso!!!

      1. Viviana Graniero says:

        grazie mille!!!! 🙂

  9. Dora Amendola says:

    Teorizzando tormentosi trasporti, temibili trasferte, trafiggendomi tu taci troncando teneri tempi… talché, trovando tosta terapia, tutti tornano tranne te TEDIOSA TENDINITE!

  10. musa says:

    Berlusconi, Brambilla, Bondi, Brunetta – bandana&banana, bacucca, babbeo, bamberottolo: BALORDI! Baldanzosamente baritoneggiano, barbugliano bizzosi – “badilate, badilate!” – bastonando baldi benpensanti barricadieri. Banditi, bracconieri, buoniannulla, BASTARDUME!

  11. musa says:

    Angelino Alfano agisce abusivamente, arbitrariamente. Annulla, affastella, arruffa. Apostata! Abbatte antichi abachi; abovinevolmente abbambola abilmente abitanti ariani. Ahinoi, abusatore! Accalorato accademico accalappiatore, accambia arbitraggi acchetando acchiappanuvoli. Accusatorio acciarpa acculando, accrescendo ansie angosciose, accidempoli!

  12. musa says:

    E di ENAKAPATA
    Egea era euforica; esteticamente esile, efebica, eclissò eterea entro elevatore, ed essendo estate, evinse essere epoca esatta: evadere, evadere! era eccepibilmente eccitata; enigmaticamente, evocava estrosi espedienti: evitare escursioni estere. Ella era ellenica ed edonista – “efkaristò” – esclamò ebbra entrando. ecco, era eliaco Eden. Ermete echeggiò: “efkaristò?” erano entrambi emozionati esternandosi enfatiche effusioni. “Egea…” “Ermete…” era entusiasmo endogeno, eccellenti evasioni. echinocactus ed euphorbia, elicrisio ed edera. era, ebbene, efflorescente estate.

  13. musa says:

    PPP: Pancho, Polda, Pinco 😀
    “Pò-Pò-Pò, PiO-PiO-PiO” pigola petulante pulcino Pancho; “porca paletta Pancho!” parlotta papera Polda – “per piacere Pancho, papà Pinco potrebbe prenderla prosaicamente!” papà papero, passata paura per puma poco placido, pensato pressare pisolino pomeridiano. “Pii-Piii-Piiii, PiOO-PiOOO-PiOOOO” prorompe precipitoso Pancho. “Panchooo!” Polda perde pazienza. “piccolo prepotente, proprio persecutore!” – predicozzo per punire pestifero Pancho – piano piano, pulcinetto pigola placato “pio-pì, pì-pì” “piuttosto” – pensa – “prenderò panni per partire – piii – partirò per posti privi papere pedanti!”

  14. Maria Maddalena Fea says:

    Torino-Toronto traversata terrificante: tuoni terribili tartassavano turbìne, tempesta trapanava timpani, tazze tremavano, terrorista tenebroso trasportava teschi, topi transitavano trotterellando. Tacevamo tutti!

  15. musa says:

    Clarissa casuale cardiologa [in C]
    credendolo con collasso ciclo cardiaco completo, Clarissa corse con CGRP – conosciuto composto chimico con caratteristica capacità contrazioni cuore – cercando cavità capace convergere corroborante. Camillo continuò camminare carponi causa cute cuoio capelluto crivellata; Clarissa constatando cicatrice craniale, cautamente condusse Camillo canapè cremisi, costringendolo coricarsi con capo chino. Camillo, colorito cadaverico, chiese caffè corretto con cointreau; categorica, Clarissa costrinse costui calmarsi con camomilla.

  16. Nidia says:

    Aiuto! Accorrete! Affogo! Aiu….

    Ammise affranto: assassinai Antonio: amava Anna.

    Anni addietro aveva avuto antipatiche allergie agli acari, asma atipico; aveva addirittura assunto ansiolitici anti-age. Assurdo? Assolutamente autentico: accaduto ad Antonio.

    Aspettaaaaaaaaaa!!!!Arrivooooooooo!!! Andato. Accipicchia. Avessi accelerato avrebbe aspettatto almeno alcuni attimi.

  17. Nidia says:

    Ah, avessi allora ascoltato avvertimenti! Avrei ampiamente accolto amore. Accidenti!

  18. Nidia says:

    @Concetta ooops, sensazioni comincia per ESSE

  19. Nidia says:

    Astri argentei ammaliano anime addormentate

  20. concetta tigano says:

    Trasformi
    timide sensazioni, teneri turbamenti,
    tessendo trasparenti tele.
    Trasmetti
    tumultuose tempeste, traboccanti torrenti
    tacendo.

  21. concetta tigano says:

    Tu trasmetti timide tentazioni,
    teneri turbamenti
    tessendo trasparenti tele.
    Trasformi tempeste
    tumultuosi torrenti,
    tacendo.

    1. Daniele Riva says:

      allora è vero: c’è una poetessa nascosta in te…

      1. concetta tigano says:

        grazie sempre….
        non ci provavo da quando avevo 16 anni…..
        però per così poco “poetessa” mi sembra esagerato.
        Anzi lo è.

  22. Adriano Parracciani says:

    FUORI CONCORSO
    Povero Pinocchio – Il tautogramma di Umberto Eco

    Povero Papà (Peppe)
    palesemente provato penuria, prende prestito polveroso pezzo pino poi, perfettamente preparatolo, pressatolo, pialla pialla, progetta, prefabbricane pagliaccetto.
    Prodigiosamente procrea, plasmando plasticamente, piccolo pupo pel pelato, pieghevole platano!
    Perbacco !
    Pigola, pub parlare, passeggiare, percorrere perimetri, pestare pavimento, precoce protagonista (però provvisto pallido pensiero), propenso produrre pasticci. Pronunciando panzane protubera propria prosbocide pignosa, prolunga prominente pungiglione, profilo puntuto.
    Perde persino propri piedi piagati, perusti!
    Piagnucola. Papà paziente provvede.
    Pinocchio privo pomodori, panciavuota, pela pere.
    Poco pasciuto, pilucca picciuolo.
    Padre, per provvedergli prestazioni professorali, premurosamente porta Pegno palandrana.
    “Pensaci” punzecchialo peritissimo, prudentissimo parassita parlante, “prudenza, perseveranza!
    Prevedo pesanti punizioni!”.
    “Piantala petulante pignolo!”
    Presuntuoso pupattolo percuote pedagogo piccino piccino (plash !) producendone poltiglia.
    Peccato.
    Poteva piuttosto porgergli padiglione.
    Poi parte pimpante, privo pullover.
    Papà piange preoccupato: “Pinocchio perduto!”
    Pellegrino, percorre perennemente pianure paludose…
    Pinocchio pedala pedala, pervicacemente peregrinando per piazze, partecipa pantomima pupazzetti, periclita presso pentola, prende pochi pennies. (1).

    Pervenuto Pub Palinuro Purpureo, per perfidi personaggi poco popolari (pirati, paltronieri perdigiorno) penzola penoso patibolo (2).

    Puella portentosa (parrucca pervinca) provvede poliambulatorio pennuto, parlagli predicando perfetti principi, prometendo prossima pubertà, persino parvenza piacente persona (3).

    Pinocchio pare puntiglioso, persistente, predeterminato.
    Palle. Parole. Parcamente persegue positivi propositi.
    Preferisce passatempi pestilenziali, percorsi puntellati perigli paurosi, perdendo possibilità parascholastiche.
    Pianta parecchi pesos per prati, per procacciarsi più palanche;
    perô (poco perspicace) perde personale pecunia.
    Protestare ?

    Procuratore paese Prendi Pirla provvedegli prigione.
    Pub pappare poco pane perché psicologicamente, patologicamente parlando, preferisce pascolare pigramente. Perciò permane pioppo puerile.
    Passo passo provoca pandemoni, prende percosse, passa per patimenti plurimi. Pensate: piccione portalo porto, pescatore pensa panarlo padella !
    Pestifero Pierino perditempo (parimenti propenso pazzie) prefiguragli paese
    peccaminoso, parco proibito, piaceri paradisiaci, piroette, passatempi pagani, prestigiditazioni…
    Persuaso, Pinocchio partecipa, prendi parte.
    Postiglione pacioccone (perb perverso) portalo posto promesso, pullulante pelandroni poco perbene.
    Pinocchio potrebbe pur presentir pena perpetua !
    Parliamone pure: pino partorisce peli !
    Porca peppa !
    Paludato pellame,pressoché puzzolente pony !
    Persone percorso,Pinocchio (puf) penetra pelago procelloso.
    Per penosissimi peripli perde pelle puteolente, perviene penetrare pancia pulsante pantagruelico pescecane. Perlustrandolo persepisce papà, precedentemente preda prelibata!
    “Papà! Perdono!”
    “Perdirindina1,Pinocchio, prediletto pasticcioncello, pazzarello!”
    padre provvede pasto pesciolini.
    Pinocchio paladino, prende padre portandolo per ponderoso palato pesce, producesi prodezze, paga personalmente, praticamente perisce (pare).
    Provvidenziale pulzella poteri paranormali, prodiga Pandora, protegge Pinocchio per pietà, perora purificazione.
    Passati patemi, pienamente pentito, Pinocchio, prosciolto per piccolissimi peccati, premiato per proba passione, per pia prestazione, permutasi piacevole putto paffuto.
    Paradossale!
    Possibile?
    Pupazzo prima, primate poi ?
    Proteiforme pargoletto, perenne Peter Pan, proverbiale parabola pressoché psicoanalitica !

    Note:
    (1) Mai marinare!
    Mangiafuoco malfamato manovratore marionette mangia montoni, mucche, muffloni (monstruosa merenda) mentre mostra manichini mascherati.
    Mamma mia! Meritatamente minaccia masticare mariuolo mentitore. Monello mortificato monnora meste melensaggini (”Misero me! Mercé, Maestà!”),minimizza marachelle, menziona malasorte, mendica, muovendo misericordia. Mangiafuoco, mefistofelico ma mite, mostrase miracolosamente munifico, magnanimo, molla manciata monete. Marenghi!
    (Mascalzoncello mollerà melensamente malloppo mefitici malfattori malandrini…)

    (2) Guardali, vedi ?
    Gatto, volpe.
    Gozzoviglianti, versipelli, guatano vili, giovendosi veloci gonzaggine vagheggini geppetidi vispi.

    (3) Fida fatina, fulgente figurina frondosa fluttanti fiordalisi!
    Finte fiere furbacchione frastornavano felloncello ferito, fascendo fantasmagoriche farmacopee (faine favoriva febbre furfantello).
    Favellasti fervida: “Fiducia! Finora fosti fantoccio, fingevi fanfaluche. Facesti fiasco. Forza! Fruirai futura figura fanciullo!”.
    Fosti fededegna : fenomenalmente, figlio falegname (fortunato filugello) fion:
    fuoriusci frugoletto fouriclasse.
    Favola?
    Forse.
    Filando fievoli fantasie, fiabe fruttificano felicemente fatti.
    ————————————————-

  23. Nidia says:

    Avevano aspettato ansiosi. Adesso, alfine, all’alba autunnale aprirono adagio ampie ali azzurro acqua alzandosi accorti, avanzando alti, ammirando Alpi, Appennini, altitudini assai ammalianti, aspirando aria avvolgente, aggiungendo alcune allegre acrobazie. Affrontarono agitati anche attimi angoscianti, abbagli assassini. Avanti, ancora avanti. Altrove, aldila’, attendevano anatre, albatros, allodole, allocchi, animali africani, amici, anche – azzarderei -amori.

  24. Dora Amendola says:

    Trote trotterellanti traversano torrenti turchesi tramando truffe taglienti toccanti trattorie tarantine.

  25. Dora Amendola says:

    Pensare producendo parole profonde può parere pleonastico primariamente per persone psicologicamente piccole.

  26. Dora Amendola says:

    Preparare polpettoni pesanti per parenti pedanti potrebbe pregiudicare prossimi pranzi… pertanto propinarli paga!

  27. Viviana Graniero says:

    sì, ovviamente abbecedario, non abecedario… errore di battitura, pardon!

  28. Viviana Graniero says:

    stamattina mi sono svegliata canterina, ed ecco il risultato! (prego il Prof. Moretti di lasciare qui nei commenti questo “componimento”… ho una dignità da difendere!!! eheheheheh)

    ALBACHIARA (in a… cantabile, ma con qualche licenza metrica… e non solo!).

    aliti adagio allontanando attenzione
    addormenti annottando
    apri ante all’aurora
    accechi alias alba
    arzilla alias aria

    assumi aspetto arrossato, ammirata
    assai ammaliante allorché assorta:
    avendo ardori, aspirazioni

    anacronisticamente addosso assente
    abito appariscente,
    alcuno ad apprezzare,
    anche ad ammirare…

    adesso angelicamente attraversi autostrada
    addentando alimento, abecedario
    aneli approfondire
    ancora accenni ad arrossire (?!)

    allora affronti ambiente apertamente
    assai autenticamente
    appare ancora agli amici
    anima, auspici

  29. Maria Maddalena Fea says:

    Nacque nano nella nuvolosa Norvegia. Nottetempo nuotava nascosto, naufragando nomade nel nonconformismo nichilista. Nutrimenti nocivi: nicotina, narghilè. Nutrimenti non nocivi: noci, nocciole, nespole, nettarine, nasello, nebbiolo. Nefrite nefasta necessitò nosocomio. Noncurante naviga nelle nuvole, non nasconde nudità, niente noia, nostalgia, nel nuovo nirvana,

  30. concetta tigano says:

    Nessun nomade naufraga nelle nuvole
    Niente, nemmeno nubi e nebbie nuociono
    Noi, nuovi nostalgici, nuotiamo nelle nostre nostalgie
    Noi nocchieri naufgaghiamo nella natura, nelle nuvole
    Nuove nebbie nascondono nostro Nadir
    Nuove ninfee nascono, nuotano nel nostro nuovo nulla….

    1. Daniele Riva says:

      ammirato, una vera e propria poesia, anzi “noesia”

      1. concetta tigano says:

        detto da te è un complimento bellissimo!!!

      2. Viviana Graniero says:

        concordo, bello davvero!

  31. Viviana Graniero says:

    e vai di k… (e qui siete autorizzati al pubblico linciaggio!!!)

    Kyoto kermesse: Kung-fu? Kendo? kick-boxing? kabuki?????…. karaoke!!!!

  32. Deborah Capasso de Angelis says:

    Questo è per ieri.

    Nessuno nasce nella nefandezza. Nessuno nutre nel nido neonati nefandi. Nessuno nasce nazista.

  33. Deborah Capasso de Angelis says:

    provo anch’io con la k!

    Keep kindness, kiss keenly, kill kingbird, knot kismet.

  34. stefania bertelli says:

    Per piacere puoi porti, prossimamante, più parco per pretendere parole preziose possibili, per persone perfette, pur povere pecunia (parlo personalmente)…però pronte per parlare, presentare paradossi, proporre pedanti pagine, piene pamphlet. Porgo panegirico pullulante peana, per particolari parti prosodiche per programmi pubblici. Percossa petulanti pensieri, posso perorare perditempo penosi, per produrre premi perenni.
    Perdindirindina….

  35. Viviana Graniero says:

    grande Daniele, colta in pieno la citazione (oltre che la demenzialità eheheheh)!!! ma anche il tuo è carinissimo!!!!

  36. Viviana Graniero says:

    ok ci provo con la k… (con qualche licenza poetica eheheheheh)

    tautogramma cinematografico…

    Kurosawa Kollossal: “Kimono killer knockout kilt killer!”

    1. Daniele Riva says:

      bello… mi ricorda “quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile”… qui quando il killer con il kimono (la killer) incontra il killer con il kilt, lo stende…

  37. Daniele Riva says:

    Know-how KO: karma kaputt, kleenex…

    (sembra un delirio incomprensibile: in realtà è un tizio che si trova con il computer in avaria, “invoca” alcuni santi del paradiso e alla fine, come il grande Troisi, non gli resta che piangere…

  38. Viviana Graniero says:

    vabbé… mi sono fatta prendere la mano (eh eh eh)
    eccone un altro

    Peter Pan (in p… e a modo mio eh! si fa per ridere!!!)

    Peter Pan, personaggio prossimo pensione, pensa poter perpetuare perennemente preadolescenza…. (paradigmatico!)
    Prende probabilmente pillole (più pericolose prozac!)…
    Privo professione, perdigiorno, propina panzane piccole puelle.
    Prospetta parecchi portenti: parapendii, posti paradossali, piroghe per pirati, piccoli palazzi posti profondità piante portentose.
    Poi puntualmente Peter Pan piazza prontamente piccole pesti perdute, porge pezza per polvere, pasta per pulire pavimenti, pentole per preparare peperonata…
    Perciò pronto precetto: Puelle, prudenza! praticate plurimi pretendenti, punite poco pietosamente panzanatori pari Peter Pan!

  39. lucia rosas says:

    TAUTOGRAMMA:tentativi tentando testi, tentai tentatore testi tamburellati , trovare termini, tasti trovati troverò terminando tossendo temendo tonta temeraria

  40. Bruno Patrì says:

    Ad Aosta andarono alcuni alpini , avevano amato: auree albe, ammalianti ancelle austriache, alte anglosassoni, anonime abbronzate, angeliche andaluse, aborigene australiane, assatanate argentine, acchetate americane, accigliate armene, affezionate amazzoni, accomodanti artigiane, acconsenzienti agrigentine, accreditate ambasciatrici, acide albanesi, acquose anconetane, acrobatiche albine, aggressive astigiane, affezionate arizoniche, addette alla anagrafe, assassine ariane

  41. Daniele Riva says:

    Esulando dal tema prettamente Enakapata e nipponico, ho una versione tautogrammatica della poesia “Alla sera” di Foscolo:

    POMERIGGIO PASSATO

    Probabilmente perché paragoni
    postremo passo, più piacevolmente
    plani! Plaudonti prendendo passione,
    pecorelle pervenute ponente,

    poi più pallide precipitazioni
    portanti procella prepotente,
    però pregata procedi, padroni
    poveri palpiti perdutamente.

    Poiché poni pensieri ponderare
    passo per prossimo periodo, prendo
    perciò perizia precario passare

    preoccupazioni procurate; pendo
    per pace piana proposta: posare
    proposito pugnace preferendo.

    1. concetta tigano says:

      solo tu potevi riuscire in questa impresa….
      bravo davvero!

  42. Viviana Graniero says:

    Paradisiaco Pellegrinaggio (Divina commedia in p)

    Poeta, parte per Paradiso, passando prima per paese pienamente peccaminoso, poi per purgatorio. Per pilota, poeta persino più popolare!
    Pensionato preistorico piroga per percorso paludoso (pare pipì!), portandolo presso porta peccaminosa. Poster puntualizza previdenza ” Perdete prospettive, penetrando!”
    Post parlatoria plurimi peccatori puniti perennemente, poeta prosegue pellegrinaggio per purgatorio. Punizioni passeggere, peccatori presto partiranno per Paradiso, previa preghiere parentado.
    Perciò pure poeta prosegue per punto più prominente, popolato persone perfette. Permutato pilota: puella paradisiaca! Poeta prova poderoso palpito petto… pure pube (pesante peccato!)
    Puella presenta patriarca perfettissimo “piacere!”, poeta percepisce potenza, proferisce paternoster, prega per prossime pubblicazioni popolari, possibilmente pure per plurime pecunie!

    1. concetta tigano says:

      Sicuramente il più giocoso e divertente!!!

      1. Viviana Graniero says:

        grazie! eheheheheh

  43. Deborah Capasso de Angelis says:

    Promessa. Parole, pesanti pietre, penetrano profondi pensieri.

  44. Daniele Riva says:

    Partenopei partirono per paese posto poco ponente. Passarono per paesaggi paradisiaci parlando padre pargolo. Pigramente presero parte performances piacevoli. Poi pubblicarono prosa ponderata.

  45. Felicia Moscato says:

    Pietro Paolo Pancio, Pittore Poco Pratico, Promise Pince Paride Per Puro Poco Prezzo
    ( è la filastrocca delle 13 P che mi insegnò da piccola la buonanima di mio nonno…a me faceva sempre sorridere….non sarà il massimo, ma nel mio piccolo voglio tornare a sorridere di nuovo…hahhahahaha)

  46. Deborah Capasso de Angelis says:

    Tutto taceva troppo tranquillo! Trasportata, tosto trascrivo tautogrammi.

  47. Adriano Parracciani says:

    enakapata è elemento enzimatico; escogita esercizi ed esorta energie elaborative, esportando educativi ed efficaci enacrostici elegantemente editati

Write a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *