Le scuole per il XXI secolo

Tre dati (il 20% degli studenti di età inferiore a 15 anni ha una capacità di leggere che raggiunge appena il livello più basso; tra gli studenti di età compresa tra 18 e 24 anni il 15% circa lascia la scuola premturamente; il 23% dei ventiduenni non ha portato a termine la propria istruzione secondaria superiore) e otto domande (Come organizzare le scuole in modo che possano fornire a tutti gli studenti la serie completa delle competenze di base? Come possono le scuole fornire ai giovani le competenze e la motivazione necessarie a rendere l’apprendimento un’attività permanente? Come possono i sistemi scolastici contribuire ad appoggiare la crescita economica sostenibile a lungo termine in Europa? Come possono i sistemi scolastici soddisfare in modo ottimale la necessità di fornire equità, di tener conto delle diversità culturali e di ridurre l’abbandono scolastico? Se le scuole devono soddisfare le esigenze educative di ogni singolo alunno, come si può agire a livello dei programmi, dell’organizzazione scolastica e del ruolo degli insegnanti? Come possono le comunità scolastiche aiutare i giovani a diventare cittadini responsabili, in armonia con valori fondamentali quali la pace e la tolleranza di fronte alle diversità? Come fornire al personale scolastico formazione e sostegno per affrontare i problemi che si presentano? Come possono le comunità scolastiche ricevere la guida e la motivazione necessarie per avere successo? Come possono acquisire la facoltà di evolvere per poter affrontare i cambiamenti a livello delle esigenze e delle domande?) alla base del documento “Le scuole per il 21° secolo” licenziato dalla Commissione Europea lo scorso 11 luglio.

Le risposte?
Nella consapevolezza che i sistemi di istruzioni obbligatori sono ben lontani dall’aver raggiunto un livello di risultati soddisfacenti (e che dunque anche in questa direzione occorrerà indirizzare le ingenti risorse disponibili). E negli otto capitoli (“Competenze cruciali per tutti; Preparare gli europei all’apprendimento permanente; Contribuire alla crescita economica sostenibile; Rispondere alle sfide nelle nostre società; Una scuola per tutti; Preparare i giovani europei alla cittadinanza attiva; Insegnanti – i protagonisti del cambiamento; Aiutare le comunità scolastiche ad evolvere”) che permettono alla Commissione di delineare strategie e percorsi da adottare per il futuro prossimo venturo.

Un documento tutto da leggere e da commentare.
Anche su queste pagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *