L’idea del federalismo e lo sviluppo del Sud

Credo spetti innanzitutto al Sud ricercare e proporre un nuovo patto con il Centro Nord del Paese. Un patto capace di tenere assieme solidarietà ed interessi. Un patto fondato sulla promozione e lo sviluppo delle risorse umane e materiali a livello locale.
Quel Sud la cui forza lavoro è stata indispensabile negli anni 60, gli anni del boom economico e dell’emigrazione con la valigia di cartone, per sostenere lo sviluppo dell’industria di massa del Nord .
Quel Sud a cui nella metà degli anni 90, complici una fase ciclica di sviluppo e la scarsità di giovani nel centro Nord, viene riproposta, seppure in versione ridotta, riveduta e corretta, l’esigenza di portare i giovani dove c’è il lavoro, al Nord.
Un Sud che se guarda al passato non trova molti motivi di rimpianto.
L’esigenza di costruire un nuovo equilibrio tra i poteri in senso federalista, è nelle cose, nelle forze e negli orientamenti reali che attraversano la società italiana.
Ci sono al Sud protagonismi e nuove voglie di riscatto.
C’è al Nord una insofferenza, ai limiti della rottura, che non mi sembra destinata a passare e rispetto alla quale il solidarismo astratto e declamatorio non ha alcuna attrazione.
La ricerca di una nuova di coesione nazionale non può che partire da una proposta che si muova contemporaneamente sul terreno degli interessi e di più avanzati valori di civiltà.
Lo sento come un tema forte.
C’è un’idea che a me piace molto, che Riccardo Terzi ha definito come la necessità di un “doppio movimento”.
Un movimento che sposta la nazione, lo Stato, verso l’Europa, e che quindi richiede una capacità di intervento di dimensione europea. E un movimento verso il basso che sposta lo Stato, l’idea della nazione verso i poteri locali, i poteri decentrati, e dunque verso la responsabilità.
Qui vedo la possibilità di indicare idee forze, programmi, soluzioni.
Se la politica deve riconquistarsi un ruolo rispetto all’economia, deve partire anche da queste cose? E dentro queste cose ci può stare una nuova idea forza di nazione e di nazioni in Europa ?
Io credo di sì. E senza immaginare improponibili modelli guardo alla Germania come ad un Paese federale che però ha una forte identità nazionale.
E se è vero che il federalismo nella storia del nostro Paese ha avuto sovente caratteri secessionisti, è anche vero che la dimensione locale è ad ogni livello una risorsa strategica, che richiede quindi istituzioni forti.
Il federalismo può essere una strada buona per fare in modo che queste occasioni non vadano perse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *